A partire dalle 20.30 di domani sabato 18 agosto, nello splendido scenario della Masseria Cesine, in scena alcune scene della celeberrima tragedia di Shakespeare, l’Otello, a cura de Onirica Poetica Teatrale.

Estetica del grottesco tragico e della ricostruzione poetica del reale. Compresenza nei personaggi di reale e fantastico, di buffo e di terribile, di concreto e di astratto. Il testo del Bardo subisce contrazioni e spostamenti di battute, in una mobilità quasi onirica. In questo oscillare tra il fiabesco ed il “dipinto simbolico ed allegorico” questo Otello diviene “un sogno dentro un sogno”. Il fuoco di una candela accende la gelosia, il buio nasconde la menzogna, una luce inattesa smaschera la verità : Caravaggio incontra e ispira Shakespeare, Pasolini sussurra ad un TotòIago che cosa sono le nuvole. Gli attori animano i personaggi per un tempo lungo un atto: la vita dura poco e ad essa segue il sogno. Si passa troppo poco tempo a guardare il cielo.

L’Otello a Le Cesine è uno spettacolo nella natura ma anche per la natura. Con scelte attente e sostenibili, infatti, è possibile realizzare spettacoli teatrali che abbiano un minor impatto sull’ambiente producendo meno anidride carbonica possibile. La rappresentazione del 18 agosto ricorrerà ad impianti luce minimi e offrirà un’esperienza unica agli spettatori: nella scenografia suggestiva di un’antica masseria e dell’oasi WWF che la circonda, alla luce naturale delle stelle e della luna d’agosto, accompagnati dalle voci degli attori e dai suoni del bosco

 

 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

9 + quattordici =