La Lega Pro, sentenziata amaramente dal primo grado della Giustizia Sportiva, non ha scalfito le ambizioni della famiglia Tesoro. Dopo gli arrivi di Bogliacino, Pià, Memushaj, Diniz e Donati senza escludere i lieti ritorni  di Esposito e Chevanton, il Lecce pensa a sfoltire la rosa per consegnare a mister Lerda

la squadra che avrà il gravoso compito di risalire la china. In attesa del secondo grado di Giudizio in Corte d’Appello e dei botti di mercato last-minute, (ammesso che ce ne saranno), Vittorio Triarico e Luigi Falcone si sono accasati rispettivamente all’Aquila e al  Lanciano. Il primo è partito con la formula del prestito con diritto delle prestazioni sportive, il secondo è stato ceduto in prestito con diritto di riscatto della metà del cartellino. Alla partenza dei due giovani talenti si è aggiunta quella di Ignacio Piatti, che dopo due stagioni deludenti condite da 35 presenze e 3 gol, ha rescisso consensualmente il contratto che lo legava ai colori giallorossi sino al 30 giugno 2014.  Prima di capire quali saranno i destini di Benassi e Ferrario,  corteggiati da piazze blasonate della serie A, il Lecce ha messo nel mirino lo svincolato Francesco Scardina. Secondo il sito “Padovagoal.it”, il difensore ex Cittadella classe ‘81 sarebbe stato adocchiato dalla dirigenza giallorossa. Tra i vari rumors inizia a muoversi qualcosa anche intorno a Daniele Cacia. Secondo alcune indiscrezioni l’Hellas Verona sarebbe interessata all’attaccante calabrese, contestato al Via del Mare per l’ennesima volta nel post gara di Lecce-Matera.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

12 + quattro =