Ennesimo scempio ambientale scoperto dalle fiamme gialle di Casarano. In un’area di circa 3000 metri quadri, in località “Colamonico” nel Comune di Supersano, tra i secolari alberi di ulivo c’era di tutto: plastiche, guaine catramate, sanitari rotti e, per finire, pneumatici fuori uso.

i Finanzieri hanno individuato l’area incriminata nella zona periferica del comprensorio cittadino, che, alla vista degli stessi militari, si presentava caratterizzata dalla presenza di una ragguardevole quantità di rifiuti speciali pericolosi ed altro materiale inerte derivante da lavorazioni edili. Il tutto, disseminato tra i secolari alberi di ulivo e la distesa di macchia mediterranea, annoverando nel suo insieme materiale di risulta, plastiche, guaine catramate, sanitari rotti e, per finire, pneumatici fuori uso.

Le Fiamme Gialle, previa acquisizione presso il competente Ufficio Tecnico Comunale degli estratti di mappa, delle visure catastali e di ogni altro documento concernente la vasta area oggetto di indagine, procedevano al sequestro dell’intera area, unitamente ai rifiuti ed al materiale ivi giacente, con denunzia a piede libero a carico di un 25enne del posto esercente l’attività di costruttore edile che, date le circostanze, non ha potuto esimersi dalle sue responsabilità.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

otto − uno =