Forse contrasti legati a soldi e a vecchi debiti avrebbero armato la mano del 41enne di Copertino che rimane il sospettato numero uno del tentato omicidio del 32enne Luigi Margari. Cinque colpi di pistola a due passi dalla centralissima Piazza Castello.

La vittima è ancora in prognosi riservata, ricoverata nel reparto di “Rianimazione” dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Intanto prosegue senza sosta la caccia al principale indiziato sparito nel nulla da martedì pomeriggio. Un fascicolo d’indagine a carico di ignoti è stato aperto dal sostituto procuratore Paola Guglielmi, ma importanti novità potrebbero arrivare da un un momento all’altro.

Sul principale indiziato si addensano molti sospetti. Ci sono le immagini delle telecamere del sistema di videosorveglianza posizionate nelle vicinanze del luogo dell’attentato, e le testimonianze raccolte dagli investigatori che nelle scorse ore hanno anche ascoltato amici e conoscenti del ricercato. La caccia all’uomo prosegue.