Un bambino di 5 anni è annegato in una vasca per pesci profonda circa un metro. La tragedia è avvenuta nel tardo pomeriggio di oggi, intorno alle 19, a Lecce, in via Ezra Pound, in periferia, in una zona alle spalle di viale Grassi. Secondo una prima ricostruzione, il bambino, Maxim Mazzeo, figlio secondogenito adottivo di due avvocati del foro di Lecce, Rosa Meranda e Antonio Mazzeo, si sarebbe avvicinato alla vasca per pesci cadendovi dentro.

A trovarlo senza vita riverso nella vasca, è stato uno dei fratellini, mandato dalla nonna che si era accorta dell’assenza del piccolo.

Al personale del 118 appena arrivato sul posto non è rimasto altro da fare se non certificare la morte del bimbo. Incerte, sinora le modalità dell’ incidente. Sul luogo della tragedia è arrivata anche la polizia, per acceratre l’esatta dinamica dell’accaduto

 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

3 × uno =