Anche il Salento, che negli anni passati era stata la ‘locomotiva’ della Puglia nel settore turistico facendo
registrare dati assai positivi e persino in controtendenza con molte altre zone d’Italia, quest’estate lamenta un calo di presenze che nei primi giorni di agosto, secondo stime di Federalberghi Lecce, ha toccato il 20% rispetto allo stesso periodo del 2011.

 

Gli albergatori cominciano a tirare le somme di una stagione tra luci e ombre. Il presidente di Federalberghi Lecce, Mimmo De Santis individua nella crisi e nella situazione di incertezza economica sempre più percepita dalle famiglie italiane, le cause principali della flessione. Nel Salento, la situazione sembra essere a macchia di leopardo, “tant’e’ vero che alcune strutture lamentano cali tra il 10 e il 20%, altre hanno sofferto in modo maggiore, altre ancora si sono attestate sui numeri
dello scorso anno o addirittura vantano piccoli incrementi, ma in questi ultimi casi – spiega lo stesso De Santis – si tratta di attività che hanno proposto sul mercato pacchetti speciali particolarmente vantaggiosi, di fatto, non aumentando il volume d’affari”. Federalberghi Lecce rileva, inoltre, una minore propensione ai consumi da parte dei turisti che si e’ tradotta finora in una “sensibile” riduzione degli introiti delle attività commerciali, “quantificabile tra il 15 e il 30%”. Secondo Se Santis “sicuramente si spende meno rispetto agli anni scorsi e questo e’ un dato sintomatico della crisi”.Un altro aspetto significativo su cui si sofferma il numero uno degli albergatori salentini è quello che riguarda i turisti stranieri che, “a giudicare dagli arrivi negli aeroporti di Bari e Brindisi, questa estate sono giunti in buon numero, contrariamente a quelli italiani”. Dopo una partenza non positiva, con giugno e luglio sottotono, il turismo salentino “ha avuto comunque – aggiunge De Santis – una ripresa nel periodo centrale di agosto che ha impegnato oltre il 90% della nostra capacità ricettiva”. E comunque, nel tracciare il bilancio della stagione estiva, resta l’incognita delle case vacanza, molto numerose nel Salento, nelle quali soggiorna un numero imprecisato di villeggianti
che sfugge ad ogni statistica. Tra le località salentine più gettonate si confermano Otranto, Gallipoli, Porto
Cesareo, Lecce e Ugento.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

13 + 10 =