Non si arresta l’ondata di rapine in città. E, ancora una volta, a farne le spese è un istituto di credito. In mattinata, due rapinatori hanno preso d’assalto la filiale della Banca Arditi Galati di via San Cesario, a Lecce.

 

Ad agire, secondo le informazioni raccolte sul posto dagli agenti di polizia e dagli uomini della squadra mobile, sono stati due banditi, entrati in banca fingendosi normali clienti.

La loro comparsa è avvenuta alle 12.40 circa, venti minuti prima della chiusura. All’interno, in quel momento, erano presenti soltanto i dipendenti ed il direttore della filiale. I due rapinatori (uno dei quali particolarmente robusto) si sono avvicinati con la scusa di aprire un conto in banca, ma subito dopo hanno estratto due taglierini e minacciati i presenti. Terrorizzati dalle armi, i dipendenti hanno consegnato nelle mani dei rapinatori i soldi custoditi nelle casse, cinque banconote da 500 euro, più altri spiccioli, per un totale di oltre 2500 euro.

Dunque, bottino in pugno, i due sono fuggiti a piedi, raggiungendo un’auto parcheggiata nelle vicinanze.

La zona, dopo l’allarme, è stata raggiunta dagli agenti di polizia, che hanno messo a verbale le testimonianze dei presenti. La banca è dotata di un servizio di videosorveglianza, ma era fuori uso.

È probabile che i rapinatori entrati in azione oggi siano gli stessi che, qualche giorno fa, assaltarono la banca Carige, in via Oberdan. Sul posto, anche la polizia scientifica, che ha eseguito i rilievi fotografici di rito. Gli agenti hanno sequestrato una borsa, abbandonata sul posto dai due malviventi: non passando dalla porta d’ingresso, l’hanno lasciata negli armadietti all’entrata. Ma, nella fretta di fuggire, l’hanno dimenticata.