Hanno rischiato veramente grosso il pilota ed il passeggero dell’idrovolante che, nella tarda mattinata, è ammarato nello specchio d’acqua antistante la città di Gallipoli, nei pressi del porto. Tutto sembrava stesse andando per il meglio, quando una probabile avaria al motore ha costretto il conducente a tentare ammaraggio d’emergenza.

L’episodio è accaduto intorno alle 13, in località “Fontanelle”, sul lungomare Marconi, quando l’idrovolante ha iniziato a perdere pericolosamente quota. Fortunatamente, i due occupanti non ha riportato gravi conseguenze. Le mani sulla cloche dei comandi erano quelle di Orazio Frigino, coordinatore dell’Avioclub Capo di Leuca “Molo degli Inglesi” e di una scuola di volo sportivo. L’uomo, grazie all’esperienza maturata nei cieli, è riuscito ad evitare la tragedia.

Immediatamente la zona è stata raggiunta dalle motovedette della guardia costiera ionica, che hanno trainato in sede il velivolo. Sul posto, anche carabinieri ed un’ambulanza del 118, che hanno sottoposto alle visite mediche i due malcapitati.
Per stabilire l’esatta causa dell’ammaraggio sono al lavoro gli uomini della Capitaneria di Porto di Gallipoli.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tredici − sette =