Sarà il quartiere Borgo Pace il protagonista assoluto della prima giornata del TEATRO DEI LUOGHI FEST 2012, la rassegna di teatro, danza, musica, arte e incontri   che fino al 30 settembre p.v. animerà con molti debutti nazionali e spettacoli provenienti da Macedonia, Inghilterra, Francia, Slovenia e Italia, strade, palazzi, masserie, ed ex conventi cittadini.  

Ad inaugurare la manifestazione il 14 settembre alle 20.30 (con repliche fino al 16) l’attesissimo CITTA’ INVISIBILI (ingresso libero) un progetto interdisciplinare e multimediale del Teatro Potlach di Fara Sabina (Rieti) con la regia di Pino Di Buduo, ispirato all’omonimo romanzo di Italo Calvino. Appuntamento per tutto il pubblico alla Chiesa di Santa Maria della Pace in via Amleto Poso (angolo Via Taranto n° 288).

Per tre giorni assisteremo non ad uno spettacolo teatrale secondo i canoni tradizionali ma ad uno speciale hic et nunc in cui il pubblico e i luoghi con la loro energia e la loro memoria, si trasformeranno in elemento di rappresentazione.

Città invisibili nasce nel 1991 e si basa sul tema della città. La struttura sociale, il paesaggio culturale e naturale determinano la drammaturgia stessa dello spettacolo rompendo così la logica degli spazi teatrali convenzionali e rendendo lo spazio urbano il vero palcoscenico della rappresentazione.

ll percorso narrativo si snoderà partendo dalla Chiesa, attraverserà il campetto sportivo, il vecchio edificio scolastico di Via de Simone e poi viali, strade e abitazioni private per concludersi di fronte ai Cantieri Koreja.  Durante l’evento gli spazi prescelti prenderanno vita simultaneamente e il pubblico si ritroverà catapultato in un vero e proprio viaggio in compagnia degli attori: lo spettatore compirà, nel tempo di circa un’ora e mezzo, la sua esperienza di viaggiatore, creando il suo personale percorso fra la storia di Borgo Pace.

I diversi luoghi ospiteranno allestimenti scenici, performances musicali, installazioni multimediali ed eventi coreografici, tutti aventi come tematica di fondo la memoria del luogo, le sue tracce sepolte e la sua identità, alla riscoperta di una città che non è soltanto barocco.

Mentre alle 22.00 presso i Cantieri Teatrali Koreja, il KorejaLab (Lecce) sarà in scena con LA VISITA DELLA VECCHIA SIGNORA di Friedrich Dürrenmatt. Lo spettacolo è ambientato in una cittadina immaginaria e affronta i temi della vendetta, della colpa individuale e collettiva, dell’onnipotenza del denaro e della corruzione morale. Commedia dell’inautentico, la performance indaga con straniante gusto per il paradosso e la provocazione, sulla corruttibilità dell’uomo, la manipolazione del consenso e il rapporto fra morale e violenza.

[…] l’opera di Dürrenmatt, sostiene il regista Fabrizio Saccomanno, ci è sembrata come una sorta fiaba di cui possiede, per certi aspetti, la struttura formale. Come in una fiaba, da una situazione instabile e problematica si passa, con l’arrivo di un elemento perturbante, a ristabilire un nuovo ordine. Fiaba bizzarra, quanto meno, che avrà come risultato finale una comunità sul baratro che ha perduto la propria innocenza, senza né vincitori né vinti. Senza morale se non una deriva narrativa in cui tutti perdono e diventa impossibile definire i confini fra vittima e carnefice, tra giustizia e ingiustizia, morale e aberrazione […]  E uno sconto speciale sul biglietto d’ingresso per chi viene a vedere lo spettacolo in bicicletta grazie a Moto a Luogo l’iniziativa di mobilità sostenibile promossa in collaborazione con EMS (Ente Modelli Sostenibili) di Friedrich Dürrenmatt  regia Fabrizio Saccomanno  con gli allievi attori del laboratorio Pratica in cerca di Teoria:  Alessandro Colazzo, Erika Grillo, Anna Chiara Ingrosso, Eleonora Lezzi, Federica Mancarella, Michela Marrazzi, Sara Montinaro, Elisa Murrone, Diego Perrone, Emanuela Pisicchio, Francesca Portone, Nuccia Refolo, Antonella Sabetta, Valentina Sammarco, Mattia Spedicato, Roberta Strafella, Giovanni Tornesello, Alice Zompì, Fabio Zullino.

E dal 14 al 21 settembre  i linguaggi contemporanei  dialogano con gli spazi periferici della città e Teatro dei Luoghi Fest 2012 dedica un progetto speciale anche alle arti visive con ADD(+)arte e le opere di Salvatore Sava, del Gruppo Starter e di Francesca Speranza su rotatorie e muri del quartiere leccese di Borgo Pace.  ADD(+)arte è un intervento di Arte Pubblica, curato da Marinilde Giannandrea, che amplifica su scala urbana l’interazione tra linguaggi contemporanei e spazi periferici della città. Gli artisti hanno operato sul piano ambientale e sociale scegliendo tre luoghi urbanistici significativi e operando in collaborazione con gli abitanti del Quartiere Salvatore Sava ha preparato per gli alberi e le piante della rotatoria di Viale della Repubblica (incrocio Via Taranto) il canto della rotonda, un’ ecoscultura di materiali leggeri dai colori acidi e cangianti con cui sottolinea la pratica decorativa degli spazi urbani, spesso in contraddizione con  la sopravvivenza e la vita degli elementi naturali.

Francesca Speranza con Il muro parlante riveste via Guido Dorso con i monumentali ritratti fotografici degli abitanti di Borgo Pace che hanno lavorato  nell’ex tabacchificio e si concentra sulla dimensione umana e solidale di una comunità operaia. Il Gruppo Starter, formato da Antonio De Luca, Fernando Schiavano e Ingrid Simon, ha progettato per il secondo rondò di Viale della Repubblica i segna-venti (giardino rotatorio), una serie di silhouette metalliche dal forte impatto teatrale che spargono semi per una futura fioritura e segnalano simbolicamente con le immagini dei Dervishi rotanti l’unione tra terra e cielo.

TEATRO DEI LUOGHI è un progetto realizzato nell’ambito dell’intervento di valorizzazione del territorio e delle risorse culturali e ambientali attraverso lo spettacolo, promosso dalla Regione Puglia, Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo, finanziato dal FESR ASSE IV e attuato dal Teatro Pubblico Pugliese (PO FESR PUGLIA 2007-2013 – ASSE IV – Linea d’intervento 4.3 – Azione 4.3.2 – Lettera E). Si avvale di Dansystem -The Puglia Dance Network finanziato dal P.O. FESR Puglia 2007-2013 Asse IV azione 4.3.2 (Lettera L), dell’azione 4.3.2. “Internazionalizzazione della scena” (Lettera H) e dell’azione 4.1.2. “Puglia location di grandi eventi” (lettere B-F)  progetti realizzati dai Cantieri Teatrali Koreja con il sostegno del PO FESR puglia 2007-2013 – asse IV.

Il Teatro dei luoghi si svolge in concomitanza con ArtLab 12 – Dialoghi attorno al management culturale promosso da Fondazione Fitzcarraldo di Torino

 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

11 + diciannove =