Continuano i controlli dei carabinieri della Compagnia ionica, anche in questo fine settimana, volti alla salvaguardia della circolazione stradale e di prevenzione e repressione del traffico di sostanze stupefacenti nonché per il contrasto ai reati di natura predatoria.

Sono stati impegnati i militari di tutte le Stazioni dipendenti e del Nucleo Operativo e Radiomobile, i quali hanno messo in atto dei posti di blocco ad hoc in punti strategici dell’area centro Salento, controllando più di 300 autovetture, che nonostante il tempo non certamente estivo, erano sulle strade salentine. I controlli hanno portato alla denuncia di 5 persone, tra i 20 e i 35 anni, per guida sotto l’influenza dell’ alcool, ed uno per aver guidato sotto l’influenza di sostanze stupefacenti; inoltre 10 ragazzi sono stati segnalati al prefetto per uso non terapeutico di sostanze stupefacenti sequestrandone circa 20 gr tra Hashish e Marijuana. Nell’ ambito degli stessi controlli, i militari, hanno denunciato per evasione e per aver declinato false generalità, un ragazzo di Casarano che doveva trovarsi presso il suo domicilio in regime di arresti domiciliari, mentre un uomo di Gallipoli è stato denunciato per furto di energia elettrica per averla sottratta da una colonnina dell’Enel per alimentare un frigo usato per le bevande che stava vendendo in strada.
Per quanto riguarda il contrasto ai reati di natura predatoria un importantissimo risultato è stato raggiunto dai militari della Stazione di Nardò, i quali questa notte, hanno arrestato Manca Giorgio, 29enne, per aver perpetrato una rapina di un ciclomotore ed averne tentata una seconda presso un esercizio commerciale neretino. Il Manca, già noto alle forze dell’ordine, ieri sera, sotto la minaccia di una pistola, si è fatto accompagnare, da un ragazzo extracomunitario e con il ciclomotore di quest’ultimo, presso un alimentari di Nardò, e arrivato lì, sempre mediante l’utilizzo della stessa arma, tentava di farsi dare l’intero incasso dal titolare dell’attività commerciale. Mentre il ragazzo extracomunitario, spaventato della situazione, fuggiva a piedi, lasciando lì lo scooter scarabeo di sua proprietà, il titolare dell’alimentari reagiva riuscendo a mettere in fuga il Manca. Intervenuti sul posto i militari della locale stazione Carabinieri, iniziavano immediatamente le attività investigative. Così, recuperato il ciclomotore, i militari hanno subito sentito il ragazzo extracomunitario, nonché il titolare del negozio di alimentari, il quale riferiva che il soggetto aveva il volto travisato da un casco da motociclista ed era armato di pistola, fornendo comunque una descrizione del malvivente. Le investigazioni, così, sentiti altri testimoni, si sono indirizzate subito verso il Manca, poiché è ben conosciuto dai militari del posto, in quanto non è nuovo a reati del genere, cosicché, rintracciato, è stato subito condotto presso la caserma di Nardò. I militari, raccolti tutti gli elementi di prova che in maniera inconfutabile portavano al Manca, anche se l’arma con cui ha perpetrato le rapine non è stata rinvenuta nonostante le perquisizioni effettuate, avvisavano il Magistrato di turno di quanto era accaduto e di tutti gli elementi in loro possesso. Ora l’uomo si trova a Borgo San Nicola

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.