“Non capisco il perché dell’intervista del dott. Semeraro, il passaggio delle quote societarie è slittato a causa del protrarsi del mercato ed in attesa dell’approvazione del bilancio, certamente non per nostra volontà perché noi abbiamo urgenza di prendere in mano la società per darle una vita regolare”.

Sono queste le squillanti dichiarazioni del direttore dell’area tecnica Antonio Tesoro in seno all’intervista fumantina di Giovanni Semeraro rilasciata ad un noto quotidiano locale. Il Tesoro pensiero ha proseguito sostenendo:”Il ritardo sul passaggio di consegne si è materializzato anche a causa delle sentenze che dovevano essere emesse sul Lecce per il Calcioscommesse, ma la trattativa è sempre stata condotta in completa armonia tra le parti. All’inizio della settimana prossima ci sarà un incontro ed entro pochi giorni la vecchia società dovrebbe approvare il bilancio ed immediatamente dopo acquisteremo il Lecce. I rinvii sono stati pattuiti da ambo i contraenti per problemi che quindi non riguardano la famiglia Tesoro.Noi – prosegue il giovane direttore – abbiamo l’ufficio in via Templari perciò i miei consulenti e quelli di Semeraro sono in contatto quotidiano. Siamo al primo piano della palazzina e loro al secondo, per questo non ho ancora capito il perché del tenore pessimistico delle dichiarazioni di Giovanni Semeraro, mi risulta incomprensibile che lui dica di non sapere i motivi che ci hanno portato a posticipare la data della stipula definitiva”. Alla domanda di un tifoso inerente alla volontà dell’acquisizione della società giallorossa da parte della famiglia di Spinazzola, Antonio Tesoro ha asserito: “noi vogliamo il Lecce e la nostra volontà di acquisirlo è sempre la stessa, così come crediamo che Semeraro voglia cederlo ai sottoscritti”.



CONDIVIDI