Numerosissime telefonate di persone che chiedevano di poter avere accesso ad uno stage dopo aver rilevato un annuncio di lavoro su alcuni portali internet. Un falso posto di lavoro in una ditta conosciutissima, insomma. E’ quanto successo all’azienda Quarta Caffè

Nei giorni scorsi, esattamente il 15 settembre, e per un notevole danno d’immagine subito, secondo i vertici della società, è stato presentato un esposto a firma dell’avvocato Marcello Esposito. Ora la polzia postale cercherà di risalire all’Ip e al presunto hacker che ha architettato il raggiro mettendo praticamente in tilt il centralino aziendale per le numerosissime telefonate arrivate. Secondo quanto accertato effettuata una ricerca su Internet, da parte del personale dell’ufficio marketing dell’azienda è stato acquisito un riscontro su quanto appurato rilevando alcune inserzioni di stage presso l’azienda per la durata di due anni con la retribuzione mensile di 890 euro e con la futura possibilità di assunzione. Un sogno per molti e il telefono della ditta era un continuo squillare. Dalla stampa delle varie inserzioni rilevate poi, si legge nella denuncia, si evince che le pubblicazioni sono state pubblicate lo scorso 14 settembre. Da chi e perché, ora, lo accerteranno le indagini della polizia postale di Lecce.