Si è riunita oggi la Conferenza dei capigruppo regionali con due ordini del giorno: la costituzionalità della legge elettorale vigente e la riduzione dei membri del Consiglio

La Conferenza dei capigruppo ha affidato alla Commissione affari istituzionali il lavoro degli esperti sui profili di costituzionalità della legge elettorale regionale n. 2/2005. I gruppi avvieranno intanto gli approfondimenti, per offrire il loro contributo all’attività legislativa in materia.

La Conferenza ha condiviso inoltre che la settima commissione ponga all’ordine del giorno la modifica dello Statuto, con la riduzione del Consiglio a 50 consiglieri, a valere dalla prossima legislatura. Contestualmente si darà avvio all’esame delle due proposte di legge di iniziativa popolare, dei movimenti femminili per la parità di genere e del Movimento 5 Stelle sulle prerogative dei consiglieri. L’assenza del presidente Vendola (a Milano per i funerali del cardinale Martini) ha indotto la Conferenza a chiedere un incontro col presidente, prima dell’avvio dell’attività della commissione.

“I lavori sono in corso: abbiamo aperto e non da oggi il cantiere della riforma istituzionale”, ha commentato il presidente del Consiglio Onofrio Introna

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.