L’accordo di massima tra le due società c’è già da un pezzo, ma nel calcio mercato la terza componente risulta essere la più determinante: il placet del giocatore. Giuseppe De Feudis, centrocampista di quantità in forza al Torino, non ha ancora detto “si” al Lecce. Il classe ’83 dei granata non rientra più nei piani della neo promossa in serie A e il Lecce è l’unica squadra che sta puntando forte sul giocatore scaricato da mister Ventura

 

I giallorossi, dopo la partenza di Gennaro Del Vecchio, hanno l’imminenza di puntellare il centrocampo con un mediano dalle caratteristiche di interditore che possa garantire un buon filtro davanti alla difesa. L’acquisto dell’ex Cesena è cosa quasi fatta e il calciatore pare essersi convinto della destinazione salentina nonostante il doppio passo arretrato che lo vedrebbe passare da panchinaro di lusso nella massima serie, ad assoluto protagonista in Prima Divisione. Le ultimissime indiscrezioni rivelano un contratto biennale per De Feudis il quale approderebbe al Lecce a titolo definitivo.

Qualora dovesse saltare la trattativa (eventualità molto remota), il direttore dell’area tecnica Antonio Tesoro giocherebbe il jolly che ha il volto di Francesco De Rose, centrocampista roccioso della Reggina il quale arriverebbe in giallorosso sulla base di un prestito con diritto di riscatto.

Le altre trattative mettono ancora in prima linea il tira e molla del Brescia per Edward Ofere. I continui ripensamenti delle “rondinelle” stanno mettendo a dura prova la pazienza dei Tesoro, che si ritrovano a tre giorni dalla chiusura del mercato con un giocatore fuori dal progetto tecnico. Nelle ultime ore l’ennesimo avvicendamento tra le due società potrebbe rivelarsi la volta buona per il nigeriano, bisognoso di una squadra che punti su di lui, e per il Lecce, bramoso di liberarsi dell’ ingaggio pesante dell’attaccante.