Coltiva dieci piante di marijuana alte più di due metri: arrestato dai carabinieri di Specchia. Si tratta di Saverio Cipolla, 48enne di Miggiano. L’uomo era controllato da un po’ , in quanto pur non avendo alcun reddito, spendesse importanti somme di denaro in fertilizzanti ed altri prodotti destinati alla cura di piante e fiori.

Gli accertamenti svolti confermavano le numerose informazioni raccolte secondo le quali il soggetto avesse intrapreso una florida attività di spaccio al dettaglio di canapa indiana dallo stesso coltivata e prodotta. Con il pretesto di notificargli un atto di polizia giudiziaria relativo a vecchie vicende penali nelle quali CIPOLLA era rimasto coinvolto, i militari della Stazione Carabinieri di Specchia sono entrati a casa dell’uomo e, all’interno del cortile dell’abitazione, hanno rinvenuto nove piante di cannabis indica alte ciascuna ben oltre due metri. Gli arbusti sono stati sottoposti a sequestro mentre Saverio CIPOLLA, portato presso gli uffici della Stazione Carabinieri di Specchia, è stato dichiarato in arresto per coltivazione di sostanze stupefacenti e, con il parere favorevole del PM di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce, accompagnato alla Casa Circondariale “Borgo San Nicola” di Lecce.
Mentre a Depressa, i carabinieri hanno denunciato in stato di libertà V.S., 48enne del posto, il quale stava coltivando, accanto ad un manufatto rurale ubicato nei pressi della propria abitazione di campagna, una pianta di canapa indiana alta oltre due metri.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

sedici − dodici =