Sono tantissime e interessanti le sorprese ed anteprime per il TEATRO DEI LUOGHI FEST 2012, la rassegna di teatro, danza, musica, arte e incontri che fino al 30 settembre vedrà in scena tre debutti nazionali e spettacoli provenienti da Macedonia, Inghilterra, Francia, Slovenia e Italia. 

Palcoscenico delle performance ancora il quartiere Borgo Pace con un’attesa anteprima nazionale: giovedì 27 settembre alle 21.30 presso i Cantieri Teatrali Koreja in scena il Macedonian National Theatre (Macedonia) con LA VITA DEL SIGNOR DE MOLIÈRE di Mikhail Bulgakov per la regia di Aleksandar Popovski.

The Life of Monsieur de Molière è basata sulla vita del più grande maestro della commedia francese, Jean-Baptiste Poquelin, noto con il nome d’arte di Molière. Il testo racconta di un uomo eccezionale costretto a sottostare alle regole di una società a cui aderisce solo in parte e con cui, però, fra trionfi e delusioni, riesce di volta in volta a trovare accettabili forme di intesa. La performance (con sottotitoli in italiano) è una lucida miscellanea di generi teatrali che spazia da pezzi di commedie dello stesso Molière (dal Tartufo a Don Juan), a parti dalle poesie di Cyrano de Bergerac, alla vita reale di Bulgakov, fino al gran finale: un musical-teatrale durante il quale gli attori eseguono Heroes di D. Bowie.

Beneficeranno di uno sconto speciale sul biglietto d’ingresso coloro che si recheranno a vedere lo spettacolo ai Cantieri Koreja in bicicletta grazie a Moto a Luogo l’iniziativa di mobilità sostenibile promossa in collaborazione con EMS (Ente Modelli Sostenibili)

Ma la serata s’inaugura alle ore 20.30 presso la Parrocchia di Santa Maria della Pace in Via Taranto n° 288 con un classico della compagnia Koreja per adulti e ragazzi, PALADINI DI FRANCIA, Vita, disavventure e morte d’Orlando e altri strani paladini di Francesco Niccolini per la regia di Enzo Toma che torna in scena a Lecce dopo il successo riscosso a Yaroslav, nel più antico teatro della Russia, dove più di 900 persone hanno avuto modo di apprezzarlo.

Lo spettacolo, vincitore del Premio Eolo come miglior spettacolo nel 2008 e premiato dall’Associazione Nazionale Critici di Teatro nel 2009,  racconta la storia tragicomica di Carlo Magno, dall’arrivo alla corte della bella Angelica al massacro di Roncisvalle. Storie di guerra, amore e morte per condensare la bellezza e la crudeltà della vita. Le scene si ispirano alla tradizione dei pupi siciliani e il cielo che fa da cornice, guarda a Pasolini e al suo “Che cosa sono le nuvole” a cui lo spettacolo è dedicato.

Sarà ancora possibile visitare le opere di Salvatore Sava, del Gruppo Starter e di Francesca Speranza sulle rotatorie e sui muri di Borgo Pace nell’ambito di ADD(+)arte, l’intervento di Arte Pubblica, curato da Marinilde Giannandrea, che amplifica su scala urbana l’interazione tra linguaggi contemporanei e spazi periferici della città.

 

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

uno + due =