È andata male ai due rapinatori che ieri sera hanno preso di mira il distributore carburanti ENI, che si trova in Parabita, sulla via principale per Matino. Arraffato il bottino, infatti, i due hanno tentato di dileguarsi a boro di un ciclomotore, ma sono stati intercettati dai carabinieri e arrestati.

Si tratta di Manco Antonio, 24enne, e Sergi Roberto Giorgio, 23enne, entrambi di Matino e già noti alle forze dell’ordine.
È accaduto nella serata di ieri, alle ore 20.00 circa, quando un giovane a volto parzialmente coperto si presentava presso stazione di servizio ENI e, minacciando con una pistola  il dipendente, dopo aver portato via dalla tasca di quest’ultimo una piccola somma di denaro in corso di quantificazione e non coperta da assicurazione, si dileguava dandosi a precipitosa fuga a piedi, dove ad attenderlo poco distante a bordo di un ciclomotore Piaggio vi era un complice. Prontamente intervenuti, i carabinieri intercettavano il ciclomotore con a bordo i rapinatori, i quali alla vista dei militari, cercavano di disfarsi della pistola lanciandola a bordo strada. Durante le fasi concitate, i militari riuscivano a bloccare i malviventi, e recuperare l’arma. Da successivi accertamenti si evinceva trattarsi di una pistola semiautomatica a salve, di colore nero, priva di tappo rosso, sottoposta a sequestro.  Da ulteriori accertamenti, la targa del ciclomotore è risultata contraffatta. Tutto veniva posto a sequestro. La somma contante non è stata però rinvenuta. Al vaglio dei carabinieri le immagini dell’impianto di videosorveglianza  del distributore. I due sono stati arrestati.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

19 − 3 =