Tricase torna ad ospitare la nona edizione del “Salento International Film Festival”, rassegna innovativa dai contenuti di alta qualità, il tutto corredato da un attento lavoro di ricerca sulle espressioni culturali contemporanee.

Il festival prende vita nel Salento, ma in poco tempo assume importanza a livello internazionale. L’attenzione per i giovani talenti provenienti da ogni parte del mondo e la programmazione di un cinema indipendente rende l’evento unico in uno scenario dove la logica aziendale prevale sull’effettiva qualità. Il cinema, nelle sue peculiarità più originali, e il Salento , terra d’origine della prestigiosa rassegna, oltrepassano ogni anno i confini di numerosi stati toccando Zurigo, Londra, Hong Kong, New York e dal 2013 anche Mosca, in un incontro di culture ed espressioni artistiche senza precedenti, un veicolo dunque per esportare la Puglia e le sue eccellenze all’estero.
Si apre dunque il sipario sull’edizione 2012: locations d’eccezione saranno la Sala del Trono e l’Atrio del Palazzo dei Principi Gallone a Tricase. La Pre-opening Night darà il via alla raffinata fiera cinematografica con il film fuori concorso, “Maternity Blues” di Fabio Cattani, il quale affronterà il delicato argomento della depressione post partum.
“Stregato da un sogno”, film del regista italo-americano Mark Bacci, aprirà a tutti gli effetti la rassegna domenica 9 settembre. Una storia dal sapore amaro e allo stesso tempo dalla passione travolgente che spinge il protagonista ad inseguire un sogno anche oltre l’immaginabile, una storia vera interamente ambientata in Puglia.
Una programmazione satura di originalità, freschezza e audacia, partendo dai dieci film in concorso provenienti da Stati Uniti, Jamaica, Bangladesh, Inghilterra, Francia, Indonesia, Taiwan e Giordania, i quali concorreranno per i premi Miglior Film, Miglior Attore e Migliore Attrice. Tra i lungometraggi non rientranti nella competizione ci sarà invece il divertente “Anche se è Amore non si Vede” di Ficarra & Picone e “Sleepless”, surreale creazione di Maddalena De Panfilis.
Da non sottovalutare le sezioni dei documentari e dei cortometraggi a cui l’organizzazione dedica particolare attenzione presentando nove documentari, di cui sei italiani e 3 tre internazionali  e ben quaranta brevi pellicole realizzate dai giovani filmmakers provenienti da ogni parte del mondo.
La serata conclusiva si terrà in Piazza Pisanelli con il portentoso concerto del sudafricano Jean-Michel Bayron, direttamente dagli Stati Uniti.
INFO: www.salentofilmfestival.com

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.