Bianca con il suo soccorritoreNella giornata di ieri è stato ricoverato presso il Centro recupero tartarughe marine dell’Osservatorio faunistico della Provincia di Lecce (OFP) un esemplare di Caretta caretta in difficoltà.
L’animale, soccorso al largo di San Foca da Vincenzo Turchiuli, presentava difficoltà a immergersi in profondità.

Dopo averlo osservato con attenzione il sig. Turchiuli ha deciso di contattare la Capitaneria di Porto di San Foca per chiedere assistenza. Il Comandante Mascali della delegazione di San Foca, ha allertato il Centro recupero tartarughe marine dell’OFP Museo di Calimera.
Il recupero è avvenuto con la collaborazione dei Rangers d’Italia (Sez. di Lecce) che hanno provveduto al trasferimento dell’esemplare a Calimera.
La tartaruga, ribattezzata Bianca come la fidanzata del diportista che l’ha tratta in salvo, ha ricevuto le terapie del caso e nei prossimi giorni sarà sottoposta a ulteriori accertamenti. In base alle prime indagini la prognosi risulta favorevole.
Nel frattempo continua la schiusa del nido di Caretta caretta sulla spiaggia di Torre Specchia (Lido Kalè Cora). A oggi sono 41 le tartarughe nate che hanno raggiunto il mare, ma nei prossimi giorni sono attese altre nascite.

CONDIVIDI