La Compagnia della Guardia di Finanza di Otranto, ha eseguito una verifica fiscale nei confronti di una ditta individuale con sede in Melendugno, operante nel settore  della gestione di stabilimenti balneari, che ha permesso di accertare, per gli anni d’imposta dal 2010 al 2012

, ricavi sottratti a tassazione, derivanti dal noleggio di attrezzature balneari, per oltre 50mila euro ed evasa IVA per circa 3mila euro.
Al fine di ricostruire il reddito non dichiarato, i finanzieri si sono avvalsi della metodologia di controllo prevista dalla Circolare 199/E II edizione dell’Agenzia delle Entrate supportata dalle dichiarazioni rese, in contradditorio, dal titolare della ditta verificata. La ricostruzione del volume d’affari è avvenuta tenendo, altresì, conto delle variabili più significative che caratterizzano l’esercizio dell’attività di che trattasi, ovvero quelle relative alle attrezzature specifiche, ai servizi complementari, all’ubicazione dello stabilimento, ai fattori climatici, al sistema tariffario adottato ed a tutti gli altri fattori congiunturali. 
Il titolare è stato segnalato all’Agenzia delle Entrate quale “evasore paratotale” per violazioni alla normativa tributaria con riferimento all’omessa presentazione delle dichiarazioni sia ai fini delle Imposte Dirette sia ai fini dell’imposta sul valore aggiunto.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.

[fbcomments]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here