È salentino il più promettente giovane talento italiano. Si chiama Antonio Russo, è di Nardò, ha 11 anni ed è batterista. Domenica scorsa l’enfant prodige neretino ha sbaragliato una compagnia di ben 48 concorrenti, di età compresa tra i 6 e i 15 anni provenienti da ogni regione, vincendo la finale nazionale

di “Italian Talent Lab”: titolo che lo proietterà in autunno al game show “Chi lo sa?”, in onda su un’importante emittente televisiva nazionale.
Lo spettacolo è stato presentato da Giovanni Conversano, coadiuvato da Luisa Lazzari, nell’Anfiteatro del “Messapia Resort & Hotel” di Santa Maria di Leuca ed è stato organizzato dalle agenzie di eventi “Vip Animation” di Luca Garavelli e “Italia’s Next Talent” di Isabella Abiuso, in collaborazione con il “Nicolaus Tour Operator”. In palio c’erano anche altri quattro titoli suddivisi per categoria e due premi, conquistati da: Micaela Sgobio (Moda e telegenia), Federico Sanfrancesco (Recitazione e Premio della Critica); Gaia Gauchi (Canto e musica); Josè Cossentino e Sabrina De Ruvo (Danza); Anna Carone (Premio Simpatia). Durante la manifestazione si sono alternatati diversi artisti. Particolarmente gradita è stata l’esibizione del cabarettista romano Ivano Trau, vincitore dell’Oscar europeo per gli effetti sonori, che si è addirittura guadagnato la standing ovation dell’Anfiteatro: tutti in piedi per un paio di minuti dopo l’esibizione del treno a vapore che gli ha consentito di assurgere alla ribalta internazionale come rumorista. Apprezzate anche le performance di altri artisti: la ballerina-acrobata Francesca Sasso, la cantautrice Cristiana Verardo, il cantante Giuseppe Cellamare, le ballerine Carmen Scalabrino e Antonella Di Biase. In autunno ci saranno i casting per l’edizione di Italian Talent Lab 2013.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

3 × 5 =