Il mese di Settembre ha aperto i suoi giorni alla seconda edizione di “SalentoSilente l’Arte sosta nei luoghi storici”che si concluderà, domenica  30, nel suo ultimo giorno.

SalentoSilente è organizzato dalla Galleria Stomeo di Martano   in collaborazione con L’Officina delle Parole di Lecce. La Rassegna è stata curata dalla  titolare della Galleria, Gianna Stomeo e  da chi scrive. L’ambizioso progetto è patrocinato dalla Regione Puglia, dalla Provincia di Lecce, dall’Università del Salento e dai 5 Comuni che hanno sposato il progetto: Castrignano de’ Greci, Collepasso, Minervino, Palmariggi, Sternatia.
A SalentoSilente sono giunti da ogni parte d’Italia, circa settanta artisti, tra giovani e affermati, ognuno con una propria cifra stilistica, tra  pittura, scultura, fotografia, superbe installazioni, rigorosamente selezionate a livello qualitativo, accomunate tutte dalla grande passione  per l’arte.
Questo intero mese di settembre sta offrendo suggestivi palcoscenici all’Arte nelle dimore di 5 luoghi che hanno fatto la storia di questa antica terra.

Così gli organizzatori, i tanti appassionati di arte e le Istituzioni,  per 5 serate, dall’1 all’11 settembre, hanno inaugurato la Rassegna nelle singole sedi ospitanti, sempre all’attenta presenza dei sindaci, durante la quale, è stata tracciata, per ogni serata, la storia dei luoghi storici da Elisabetta Opasich, Pamela Pinto e Pamela Serafino. Uno spazio è stato dedicato alla poesia con l’interveto di Eliana Lista e Mauro Ragosta  e, una sezione speciale, ai versi del poeta salentino Vittorio Bodini.
In ogni serata, dopo il benvenuto del sindaco, e l’introduzione  di Gianna Stomeo, ho intrapreso un “viaggio sentimentale” tra le opere di ogni artista partecipante.

Il percorso d’Arte SalentoSilente è cominciato sabato 1  settembre presso il  Castello Gualtieri di Castrignano de’ Greci  con la partecipazione del sindaco Antonio Zacheo. Castrignano dei Greci è uno dei nove comuni che attualmente fanno parte della Grecìa Salentina.
Le sale del suo maestoso castello, di origine medievale, ospitano le opere degli artisti: Adames Greis Estela, Silvana Bissoli, Antonio Calabrese, Cesare Cassone, Antonella Cucinelli, Massimo De Carolis, Giuseppe Donadeo, Pompilio D’Ospina, Chiara Minafra, Biagio Picardi, Patrizio Quarta, Antonio Santoro, Nicola Tatullo, Salvatore Torretti.

La seconda tappa, lunedì 3 settembre, ci ha condotto a Minervino, presso il suggestivo Convento dei Padri Riformati. Il comune fa parte dell’associazione Borghi Autentici d’Italia.
Il sindaco Ettore Salvatore Caroppo ha organizzato, per l’occasione, nella mattinata, una estemporanea con gli artisti presenti: Raffaele Capraro, Giovanni Chiriatti, Concetta Coluccia, Anna Lisa De Marianis, Pina Gorgoni, Onelia Greco, Pasquale Scarciglia, Alessandra Sessa, Giovanni Stanca (Renè), Francesca Toma, i quali hanno donato al Comune di Castrignano l’opera realizzata.

Mercoledì 5 settembre, la terza tappa, ci ha visto presso il Castello Aragonese di  Palmariggi, alla presenza del  sindaco Anna Elisa Stifani.
Una torre  del superbo castello cinquecentesco, ospita le opere di: Michele Angelillo, Maria  Patrizia Anzolin, Angela Betta  Casale, Elisa Linciano, Maria  Grazia Monticelli, Nella Parigi, Anna  Maria Saponaro, Stefania Rinaldi.

Domenica 9 settembre, la quarta tappa, siamo giunti  al Palazzo Municipale di  Sternatia,  cuore dell’area grika della Provincia di Lecce, alla presenza del sindaco Pantaleo Conte.
I saloni dell’ex Convento dei Padri Domenicani in  cui si accede da una ampio chiostro, oggi, Palazzo  Municipale, ospitano, le opere di: Alberto  Allamprese, Anna Caimano, Valter Candotti , Pier Giulio Caregnato, Antonio Casali, Flaviana Chiarotto,  Vanessa Denuccio, Marina Falco,  Maria  Rosa Giovenale,  Stefania Ingrosso, Francesca Lauria  Pinter,  Maria Grazia Luchino,  Francesco Lazzaro, Clementina Macetti, Milena Marani,  Anna  Flaviana Pagliara,  Grazia  Maria Peluso,  Fausto Rovellotti,  Maria  Teresa Stasi,  Salvatore Strafella, Paolo Vasuino.

Il percorso di SalentoSilente lo abbiamo compiuto martedì 11 settembre  presso il cinquecentesco Palazzo Baronale  di Collepasso, alla presenza del sindaco  Paolo Menozzi.
La serata, tra arte, storia e poesia, si è conclusa con un breve e magistrale  concerto eseguito dal quartetto di clarinetti “Mare Nostrum” con gli allievi del Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce, Anna Romito e Raffaella Palumbo e del Conservatorio di Musicale Bruno Maderna di Cesena, Xhovan Dimo e Edison Zurbo, su brani di Bizet,  Strauss,
Brahms, Joplin, Rota.
Le sale  del prestigioso Palazzo Baronale ospitano le opere di: Ivo Bonino, Caterina Caldora, Giulia Chiriatti, Pietro Daresta, Fiorenza Di  Lenna, Antonio Fabiano, Pasqualino Festa, Maria Pia Fransos, Tommaso Frassanito, Roberto Lucato, Monica Marzano, Chiara Montorsi,  Valeria Morasso, Nunzia Mottura, Anna  Maria Paoli, Gaetano Rizzari, Vincenzo Santoro, Alfredo  Salvatore Sodero, Antonio Tafuro, Amalia Visnadi.

La Rassegna  lungo il mese di Settembre vedrà ancora i 5 luoghi storici coinvolti con serate dedicate a concerti e al tango, tra passi e proiezioni di cortometraggi.

Tante emozioni  e sensazioni inattese ci hanno accompagnato lungo queste serate: siamo partiti colmi di trepidazione, come succede sempre prima della partenza di un viaggio, poi ci siamo rassicurati, poi  entusiasmati e anche incuriositi e meravigliati. L’ultima serata, a Collepasso, abbiamo percepito contentezza ed entusiasmo, sia per l’accoglienza delle singole istituzioni e  del pubblico che in, gran parte, ha percorso tutte le tappe insieme a noi, sia per aver scoperto, con meraviglia, le tante bellezze che il Salento custodisce.

“Tu non conosci il Sud, le case di calce
da cui uscivamo al sole come numeri
dalla faccia d’un dado”                          è il canto del  poeta Vittorio Bodini

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.