Dopo una seria e puntuale preparazione atletica cominciata lo scorso 28 agosto, alcuni degli allievi del maestro Alessandro Rubino, sono saliti in pedana per affrontare i primi impegni agonistici.

La stagione 2012/13 per gli schermidori del Club Scherma Lecce, difatti è cominciata lo scorso 30 settembre a Brindisi, in occasione del Centro di Allenamento Federale (Caf) di Spada. Le nuove normative federali – introdotte a partire da questa stagione – hanno peraltro portato ad una serie di importanti novità organizzative (adottate in via sperimentale in questa prima sessione di lavori): la più significativa riguarda l’ammissione diretta alla prova nazionale di qualificazione Cadetti, riservata all’atleta che ha riportato il miglior piazzamento al termine del CAF. In virtù del nuovo regolamento sono stati quindi ammessi alla prima prova nazionale di qualificazione Cadetti di spada gli atleti Giulio Montesardo (Club Scherma Lecce) e Miriana Morciano (Lame Azzurre Brindisi). Sicuramente un incentivo in più per favorire la partecipazione dei giovani talenti ed un’opportunità per favorire il loro precorso di crescita agonistica.

«Domenica scorsa, il nostro cadetto Montesardo ha vinto la Iª prova del CAF di Brindisi, qualificandosi per la fase nazionale – commenta la presidente del Club Scherma Lecce, Sari Greco – Adesso, per gli altri pass bisognerà aspettare la prova di domenica prossima a Foggia (7 ottobre), dove saliranno in pedana ben sei atleti del nostro club: nella categoria maschile “Cadetti”, si schierano, Marco Massari (classe ‘96) e Gabriele Trevisan (’98); nella categoria “Giovani”, ci sarà Antonio Rizza (’95), mentre nell’Under 23 Angelo Davilio (’92). Nel settore femminile, sono pronte a duellare, Luisa Di Ciaula (’98) e Chiara Spedicato (’92), rispettivamente per le categorie Cadetti e Under 23. Nel frattempo, all’interno della nostra sede di Via Stomeo a Lecce, continua a crescere il serbatoio riservato al settore giovanile, con buone prospettive, quantomeno in termini di presenze, in vista dei prossimi tornei riservati per la categoria “Giovani”. Grazie infatti alla recente opera di propaganda profusa all’interno delle scuole leccesi – aggiunge la presidente Greco – e soprattutto grazie anche all’effetto mediatico alimentato durante le recenti Olimpiadi di Londra, abbiamo avuto in Sala d’Armi molteplici visite di potenziali schermidori i quali, sotto la cura del maestro Alessandro Rubino, si stanno già cimentando con i loro primi “passi” (passo avanti e affondo, ndr). Invito ufficialmente tutti gli appassionati di questa disciplina sportiva, a visitare la nostra sala in Via Stomeo (unica sede del Club Scherma Lecce, presente oramai da sei anni), all’interno della quale si potrà assistere alle fasi di allenamento, articolate su ben cinque pedane attrezzate».

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tre × due =