E’ entrata nell’ospedale Sant’Orsola di Bologna, e’ salita al reparto di Urologia e come se nulla fosse ha rubato il cellulare di una degente 54enne, che era in un cassetto vicino al suo letto. Quando la malata ha reagito, la ladra le ha dato un profondo morso al braccio destro ed e’ fuggita.

Ad incastrarla pero’ sono state le telecamere del nosocomio che hanno registrato la scena avvenuta lo scorso 22 agosto alle 7 del mattino. Il fatto e’ stato riferito oggi dai Carabinieri che hanno denunciato la donna per rapina. Nei guai e’ finita cosi’ una 41enne pregiudicata, originaria della provincia di Lecce e residente a Bologna, risultata non nuova a questo tipo di furti. Lo scorso 13 settembre era, infatti, stata arrestata dagli stessi militari, dopo aver commesso svariati furti sempre ai danni dei pazienti del Sant’Orsola. In quella circostanza, per sottrarsi all’arresto, aveva anche minacciato con un cacciavite un’infermiera ed aggredito con calci e pugni un addetto alla sicurezza. Addosso i Carabinieri le avevano trovato 22 carica batteria di varie marche e modelli, 9 portafogli da uomo e da donna e 4 telefoni cellulari, risultati appartenenti ad altrettante persone ricoverate. La donna e’ stata riconosciuta, nelle immagini delle telecamere, da diversi testimoni e dalla sua ultima vittima che per il morso ricevuto ha avuto una prognosi di 10 giorni. La ladra e’ al momento reclusa in carcere per il precedente arresto. Deve scontare una pena di un anno e 6 mesi.