Finisce sotto processo Sonia Mighali, 34 anni, di Galatina, agli arresti domiciliari dallo scorso 9 agosto, con le accuse di estorsione aggravata e tentata, e di rapina. La donna, già nota alle cronache per aver circuito vecchietti a cui avrebbe spillato denaro, aveva subito anche un precedente arresto nel gennaio di quest’anno.

Due sono gli episodi contestati dalla Procura.

Nel primo avrebbe costretto un anziano a consegnarle ben seimila euro. Altrimenti avrebbe rivelato alla moglie della loro tresca. Nella denuncia presentata dalla presunta vittima ai carabinieri, il pensionato ha confessato di aver pagato la somma in più tranche, da ottobre a dicembre 2011, per assicurare il riserbo sulla relazione. Ma alla fine, esasperato dalle richieste di denaro, il vecchietto ha trovato il coraggio di raccontare tutto ai militari.

Successivamente avrebbe rapinato un postino di 50 anni. In questo secondo episodio la 34enne avrebbe spruzzato del profumo sul volto dell’uomo incontrato per strada, lasciando in un momentaneo stato confusionale. Poi avrebbe approfittato di quel momento per sfilare dal suo portafoglio 40 euro. L’uomo si è immediatamente recato in caserma per denunciare l’accaduto e ha incastrato l’imputata attraverso il riconoscimento fotografico. Dopo il decreto di giudizio immediato emesso dal gip Nicola Lariccia, il processo avrà inizio il 13 dicembre prossimo, davanti al giudice Giovanni Gallo del Tribunale di Galatina.

La donna è assistita dall’avvocato Carlo Gervasi.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

4 + 5 =