Nel corso dei quotidiani servizi di controllo del territorio in materia di polizia economico-finanziaria e nell’ambito dell’attività volta a reprimere la pesca di frodo lungo la fascia costiera salentina, i militari della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Gallipoli, hanno sequestrato kg 1,290 di prezioso corallo rosso.

In particolare, nel tardo pomeriggio di ieri i Finanzieri durante un pattugliamento nell’area marina protetta di Porto Cesareo hanno avvistato un gommone dotato di camera iperbarica ed altre attrezzature idonee per l’immersione in acque profonde, che si avvicinava alla costa.
Gli occupanti, alla vista dei militari della Guardia di Finanza hanno pensato bene di disfarsi del prezioso carico gettandolo in mare. Immediatamente intervenuti i Finanzieri hanno recuperato l’involucro accorgendosi che conteneva il prezioso corallo rosso sottoposto a sequestro.
I Finanzieri, prontamente, hanno fermato e identificato il responsabile nei cui confronti  è stato sequestro il pescato e l’attrezzatura usata per la raccolta allo stesso è stata comminata una pesante sanzione amministrativa.
L’intervento dei Finanzieri del Reparto navale ha evitato che il prezioso carico del valore di oltre tremila euro, finisse sul mercato illegale, alimentando l’illecita produzione e vendita di preziosi.