l’ex segretario MarraIl nuovo segretario del Pd leccese è Andrea Imbriani, avvocato di area lettiana, sponsorizzato dall’ex segretario Marra. È stata una vittoria ai tempi supplementari, perché nessuno è riuscito a superare il 50 più uno per cento, dopo un ballottaggio con Alessandra Pinto, candidatura di protesta

, in rappresentanza di delusi e dei giovani democratici. È’ finita 113 voti a 95 per l’avvocato Imbriani, mentre la terza candidata, Lidia Faggiano, sostenuta da Loredana Capone, non è riuscita ad arrivare al secondo turno: si è fermata a 45 voti.
Le correnti interne al partito leccese hanno colto l’occasione per misurarsi, per verificare il proprio peso: il congresso che si è svolto al Tiziano dovrebbe rappresentare un primo passo verso la rinascita dopo la débacle delle comunali e il breve traghettamento di Alfonso Rampino. I democratici leccesi devono partire da Imbriani per rimettersi in piedi, ma non sarà facile. La litigiosità interna non si è placata: alcuni big come Rotundohanno puntato il dito contro il presunto accordo tra Casilli e Blasi  a garanzia del trionfo di area lettiana.
Fabrizio Marra commenta con entusiasmo: «Sono soddisfatto della vittoria di Andrea. Il partito riuscirà a trovare un’unità nell’interesse di tutti, per affrontare le sfide che abbiamo davanti. Faccio le mie congratulazioni e gli auguri ad Alessandra Pinto, che ha raggiunto un buon risultato, e a Lidia Faggiano, che con il suo contributo ha permesso la celebrazione di un Congresso vero».
L’area lettiana ha molti motivi per gongolare, perché alcuni bersaniani si erano schierati con la candidata che è arrivata seconda. Rotundo, Bellanova, Maritati, le componenti della segreteria provinciale Colella, Ferullo e il segretario dei giovani democratici sono riusciti a spingere Alessandra Pinto fino al ballottaggio, ma non sono riusciti a superare i 113 voti di Imbriani.

Eliana Degennaro

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

13 − undici =