«Carta canta». Il Magnifico rettore, Domenico Laforgia, preferisce far parlare le carte e inoltra a tutte le testate giornalistiche, dopo la notizia dell’interpellanza dell’on. Mantovano, i compiti con le prove del plagio.

«Alcuni temi erano copiati anche nelle virgole», ha spiegato ai nostri microfoni il numero uno dell’UniSalento, «dietro questi continui attacchi c’è la mano invisibile di una lobby di persone che avrebbero voluto ricevere vantaggi, che con la mia amministrazione non hanno potuto avere». Tutte le dichiarazioni e le risposte del rettore, punto per punto a tutte le accuse, le potrete vedere domani mattina nella video-intervista “L’incontro” di Gaetano Gorgoni.

Ecco il messaggio inviato a tutte le testate giornalistiche: «In allegato copia dei compiti interamente copiati da Internet (le parti evidenziate in giallo sono copiate) e che hanno comportato l’annullamento del concorso. Lascio alla gente la possibilità di valutare se il Direttore Generale abbia agito per il bene dell’Amministrazione e di tutte le persone che partecipano a pubblici concorsi senza tutele e protezioni. Sono sempre più convinto che tutta questa montatura sia orchestrata di proposito perché questa Amministrazione venga meno al rigore e al riconoscimento del merito, sia nei concorsi che negli appalti che si espleteranno nel prossimo futuro».   

[widgetkit id=94]

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

17 − 9 =