I suoi due figli l’ hanno minacciata e picchiata, riempita di lividi per rubarle i soldi che servivano a comprarsi la dose. Ma alla fine stremata li ha denunciati e mandati in carcere. Questa è la triste storia di una madre, tra coraggio ed esasperazione, per la quale questa mattina è finito un incubo.

I carabinieri di Campi Salentina, infatti, hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Lecce su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica dott. De Palma, per i reati (commessi in concorso) di estorsione aggravata e continuata, rapina aggravata, furto in abitazione, furto aggravato, indebito utilizzo di carta di pagamento, nei confronti di due fratelli tossicodipendenti, di Campi salentina: Guerrieri Andrea, 22enne, e Guerrieri Gianni, 21enne.

Le indagini sono partite dalla denuncia “fiume” presentata dalla loro madre. Il 30 agosto scorso, infatti, la donna distrutta per le continue ruberie (non punibili se commesse ai danni di un’ascendente; anche la nonna è stata più volte vittima di furti, non punibili), di recente accompagnate da minacce, maltrattamenti e violenza, con coraggio si è presentata in caserma e ha raccontato una storia molto triste.

La droga ha trasformato i figli in due tossici sempre in cerca di soldi o di oggetti di valore da monetizzare con facilità. Ha raccontato, infatti, di aver visto passare sotto i suoi occhi merce di ogni tipo: ori, elettrodomestici, biciclette, oggetti sacri, motociclette, ecc.

A quel punto, sui fatti riportati dalla madre, i carabinieri si sono subito messi alla ricerca di riscontri. Diversi testimoni confermano la condizione di totale costrizione della donna, confinata in casa a seguito di continue botte e minacce, oggetto di sempre crescenti richieste di somme di denaro (si parla di migliaia di euro). Altri testimoni raccontano che in un caso, per strada, la mamma ha provato a resistere, ma comunque i figli, con percosse e minacce, sono riusciti a toglierle 50 euro dalla borsa. In un’altra circostanza i figli le hanno sottratto la carta “Bancoposta” per effettuare di nascosto un prelievo di 500 euro: il sistema di videosorveglianza li ha ripresi. Ancora, la donna ha raccontato di averli visti pochi giorni prima del 30 agosto in sella a uno scooter di cui non aveva alcuna notizia, e alla domanda, preoccupata, su chi fosse il proprietario, i figli le avevano risposto con orgoglio di averlo rubato poco prima. Lo scooter è stato trovato pochi giorni dopo dai carabinieri in un casolare dove sono stati visti aggirarsi i fratelli: nel vano posto sotto il sedile erano custoditi anche degli oggetti d’argento rubati dall’abitazione dello stesso proprietario dello scooter. Con lo stesso orgoglio, infine, il 31 luglio scorso, i figli avevano mostrato alla madre degli oggetti sacri rubati nella Chiesa di Santa Maria delle Grazie, in Campi. Si trattava di un portaincenso, di un ostensorio e di un instrumentum pacis, tutti in argento. Gli oggetti erano stati “miracolosamente” ritrovati dal Vicario del Vescovo, Don Fernando Filograna, pochi giorni dopo il 31 luglio, nei pressi del piazzale del Duomo di Lecce, sotto un’autovettura, avvolti in un particolare sacchetto rosso. Probabilmente i fratelli l’avevano lì occultato per cercare dei ricettatori. Un carabiniere ha avuto in merito un “colpo di genio”: si è ricordato che nelle immagini estrapolate dal sistema di videosorveglianza al momento del prelievo fraudolento citato (relative al 1° agosto) uno dei due fratelli aveva in mano proprio quel sacchetto rosso. Anche in questo caso il racconto della madre, oggettivamente riscontrato, ha dimostrato tutta la sua attendibilità. I due ora si trovano rinchiusi a Borgo San Nicola.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

uno × due =