L’escalation del Lecce e l’entusiasmo di un ambiente rinato dopo l’avvento della famiglia Tesoro, ha permesso ad alcuni emergenti talenti giallorossi di mettersi in luce sotto la guida di mister Franco Lerda.

La nuova dirigenza di Spinazzola di Bari, onde evitare spiacevoli sorprese di mercato, sta paventando l’idea di blindare i propri gioielli. Tra pochi giorni, socondo quanto ha riportato il portale “TuttoLegaPro.com”, sono in programma i summit per rinnovare i contratti di Filippo Falco e Giancarlo Malcore. Entrambi andati assegno, il primo in campionato e il secondo in coppa Italia contro la Nocerina, sono pronti a legarsi al Lecce per le prossime stagioni con l’obiettivo di proseguire quel processo di crescita che una piazza come Lecce ha sempre garantito. Malcore, classe ’93, potrebbe firmare un triennale sino al 2015, mentre per l’ex Pavia Falco, è previsto un cospicuo adeguamento del contratto che sarà prolungato sino al 30 giugno 2017.

Nel frattempo, gli uomini di Lerda si avvicinano alla trasferta in terra siciliana contro il Trapani con le giuste motivazioni di una squadra pronta ad ammazzare il campionato per uscire il prima possibile dalle sabbie mobile della Prima Divisione. Sulla gara di domani sera a cospetto dei ragazzi di mister Boscaglia, ha preso la parola ai microfoni di TLP Roberto Landi, ex ct delle Nazionali Under 21 di Georgia e Lituania e attuale commissario tecnico della Nazionale liberiana.

“I siciliani hanno giocatori importanti come Docente e possono giocare senza avere timori reverenziali nei confronti del Lecce. I salentini, tuttavia, non centrano nulla con la categoria. Hanno giocatori di altro livello e spessore rispetto alla Prima Divisione, ma in casa il Trapani potrebbe regalare sorprese