“Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha dato parere favorevole al condono sui tributi locali ed in particolare sulla Tarsu. L’Amministrazione comunale ha visto premiata la sua grande determinazione e, nello stesso tempo, ha rilevato l’ennesimo atteggiamento “ostruzionistico” dell’opposizione di Palazzo Carafa

che, fin da subito, ha ostacolato l’esecuzione del condono.
Facendo leva sull’autorevole giurisprudenza della Cassazione e sulle sentenze della Corte dei Conti delle regioni Puglia e Sicilia, l’opposizione di Palazzo Carafa ha cercato di indurre il governo cittadino a ritirare la delibera di condono, fino a presentare in tal senso un ordine del giorno in occasione del consiglio comunale del 29 ottobre. All’indomani di quella seduta di consiglio, in cui a denti stretti mi sono dichiarato disponibile al ritiro della delibera, è arrivato il tanto atteso parere del Mef. Sarà deluso l’avvocato Villani, noto e valevole tributarista locale, se ancora una volta l’Amministrazione dimostra con i fatti di avere ragione rispetto a questioni spinose e politicamente rischiose. Mi dispiace personalmente per il suo scivolone che, al suo posto, sinceramente, non mi sarei messo nella condizione di rischiare.
Mi domando – ed è legittimo farlo – se il suo arroccamento sia più legato a posizioni politiche o ad uno spirito di conservazione professionale.
E adesso, cari cittadini, giustizia è stata fatta. Avanti tutta! Questo condono sarà una opportunità per le casse comunali e per tutti i contribuenti leccesi che avranno la possibilità di mettersi in regola con la Tarsu a sanzioni zero”.