“Questa è solo la prima di una lunga serie di mobilitazioni”, dichiarano gli studenti che già da stamattina hanno bloccato l’arteria principale di ingresso a Lecce, all’altezza della rotatoria di viale Porta D’Europa

Stessa protesta in circa altre venti città italiane. “Contro crisi e austerità, tutti in piazza per difendere la scuola”, è lo slogan della manifestazione. Il corteo che si è formato, passerà da Porta Napoli, viale Calasso, piazza dei Bastioni, viale De Pietro, via XXV Luglio, piazza S. Oronzo.
La polizia municipale consiglia agli automobilisti di usare le uscite della tangenziale, da e per Lecce.
Agli studenti si è associata un’altra manifestazione di protesta degli operai ex Bat, che già ieri avevano manifestato all’ingresso della Prefettura. Circa settanta famiglie in crisi per mancati pagamenti degli stipendi e senza prospettiva futura. I lavoratori, infatti, dopo la delocalizzazione dell’industria manifatturiera del tabacco, sono stati assorbiti dalla Ip-Korus, per la produzione di infissi in alluminio. Ma, a distanza di mesi dall’accordo stilato attorno al tavolo ministeriale tra le parti coinvolte e i sindacati di categoria, i capannoni della ex manifattura restano vuoti e gli operai “pagati” per non fare nulla.

 

CONDIVIDI