Nardò – Furto aggravato in concorso con altra persona: questa è l’accusa che ha fatto scattare le manette ai polsi di Giuri Alessandro, 34 enne neretino e titolare del bar Rubix, che si trova in via Rubichi.

L’episodio è iniziato intorno alle ore 10.30 di questa mattina, quando gli agenti del locale commissariato hanno sorpreso, in Contrada Padula, sulla S.P. Nardò-Leverano, due persone, dei quali uno era intento a tagliare con una smerigliatrice una macchinetta cambia soldi, che solitamente si trovano presso bar e sale giochi, mentre l’altro si dava a precipitosa fuga ma veniva naturalmente inseguito e bloccato dopo qualche centinaio di metri.
Le immediate indagini hanno permesso di accertare che il 34enne, dopo aver portato via dal proprio bar la macchina cambia soldi di proprietà di una ditta di Galatina, l’aveva portata in quel luogo isolato per eseguire con tutta calma i lavori di apertura.
Per quest’ultimo lavoro aveva chiesto e ottenuto ausilio dal 26enne di Nardò D.A., prelevandolo in mattinata da casa e riferendogli che aveva subito un furto ma di avere trovato la macchinetta.
Questi, dopo aver già aperto il contenitore delle monete, si stava accingendo ad aprire anche quello delle banconote, il tutto per un totale di 1.139 Euro.
Nell’immediatezza si accertava che all’interno del bar Rubix era stata scassinata una macchinetta videogioco con l’esportazione della somma di Euro 1.300, però stranamente nessuno aveva denunciato il furto ne vi erano segni di scasso sulle porte e finestre del locale, né era entrato in funzione il sistema d’allarme.
Accertato che sia la macchinetta cambia soldi che il videogioco erano di proprietà di una ditta di Galatina, che denunciava un danno di 10.000 Euro (comprensivo della distruzione delle macchinette), il GIURI veniva tratto in arresto per il reato di furto aggravato in concorso con il 26enne neretino D.A. che veniva denunciato a piede libero.
Il GIURI, difeso dall’Avv. Tommaso VALENTE, è stato condotto agli arresti domiciliari a disposizione del P.M. di turno della Procura della Repubblica di Lecce Dott.ssa Roberta LICCI.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

20 + sette =