La Svicat Consolini ha schiantanto il Brindisi con il roboante 46-10 finale tra le mura amiche e vola i testa a punteggio pieno in classifica a braccetto con il Bari. La squadra allenata da coach Spampinato parte a in quarta mettendo a segno due mete nei primissimi minuti di gioco con capitan Paolo D’Oria

e con l’ex di turno rancesco Palma. Successivamente si inaspriscono i toni della partita con varie scorrettezze da una parte e dall’altro, ma i padroni di casa riescono a chiudere il primo tempo con i largo parziale di 27-0, complice un punto bonus guadagnato in classifica grazie alle mete di Fabio Pagliara e Davide Signore.

Nella ripresa, forte del cospicuo vantaggio, il Campi entra in campo appagato e  concede al Brindisi ben 10 punti nati da un calcio di punizione e da una meta che porta la firma di Cristofaro. Il ritorno veemente della compagine ospite suona la sveglia ai ragazzi di Spampinato, che riprendono in mano la partita andando a meta per tre volte consecutive con D’Oria, Signore e Croitoru.

L’analisi della gara ha visto un Campi vittorioso e superiore rispetto all’avversario, ma con cali di concentrazione e un nervosismo generale su cui coach Spampinato deve ancora lavorarci. Sul piano del gioco si notano invece dei vistosi miglioramenti soprattutto in virtù della precedente partita contro i Draghi Bat. In sintesi si è visto un Campi ancora alle prese con alcune distrazioni e con eccessivo nervosismo, tutto sommato il gioco è migliorato rispetto alla partita di esordio contro i Draghi Bat.

Risolta la pratica Brindisi per la Svicat  è atteso un impegno duro. Domenica 21 ottobre affronterà, infatti, in trasferta il Monopoli Rugby di coach Menga, squadra che nell’ultima partita ha fallito per un soffio la vittoria esterna contro il Trepuzzi.

SVICAT CONSOLINI – NAFTA BRINDISI 46-10 (mete: 7-1)

Classifica girone 1: SVICAT Campi 10, Tigri Bari 10, Trepuzzi 8, Monopoli 5, Taranto 4, Brindisi 0, Foggia -7, Draghi Bat -8

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.