L’udienza fissata per questa mattina del processo per l’omicidio di Sarah Scazzi, la 15enne di Avetrana uccisa e gettata in un pozzo il 26 agosto del 2010, è stata rinviata al 29 ottobre a causa dello sciopero dei penalisti.

Per quella data è prevista la deposizione di Michele Misseri, il contadino che inizialmente confessò di aver ucciso la nipote consentendo il ritrovamento del cadavere e poi ritrattò addossando le responsabilità sulla figlia secondogenita, Sabrina. Quest’ultima e sua madre, Cosima Serrano, entrambe in carcere per l’omicidio, dovrebbero deporre, nelle vesti di imputate, nell’udienza del 30 ottobre. La Corte d’assise presieduta da Rina Trunfio oggi ha fissato altre due udienze per il 5 e il 6 novembre prossimi. Il pm Mariano Buccoliero ha depositato una consulenza dei carabinieri del Ros di Lecce sulle celle telefoniche.

CONDIVIDI