Aveva forzato il posto di blocco dei carabinieri, perché in difetto con l’assicurazione, scaduta. Aveva pure simulato il furto dello scooter, ma i carabinieri lo hanno scoperto, rintracciato e denunciato.

E’ finito così nei guai J.K., marocchino di 34anni, residente a Squinzano, denunciato dai carabinieri della stazione locale. Il nordafricano, alla guida di un Suzuki Burgam 250, aveva forzato il posto di blocco istituito dai militari in città. I militari, messisi al suo inseguimento, tuttavia, lo avevano perso di vista, ma pochi minuti dopo hanno trovato la moto “adagiata” sul ciglio della strada che collega Squinzano a Trepuzzi. Una stranezza che ha insospettito e non poco i carabinieri. È bastato un rapido controllo per capire come erano andati i fatti: il marocchino, infatti, aveva abbandonato la moto ed aveva raggiunto la stazione dei carabinieri di Trepuzzi, per denunciarne il furto. Il 34enne è stato però scoperto e denunciato: era vestito esattamente come il motociclista, che non si era fermato all’alt dei militari. Davanti all’evidenza dei fatti ha ammesso che aveva forzato il posto di controllo, poiché con l’assicurazione scaduta. Ha evitato la multa, ma ha rimediato la denuncia.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

dieci + sei =