Sarebbe stata stuprata da due amici e con l’accusa di violenza sessuale di gruppo sono indagati R. R., 21enne di Cannole e A. P., 23enne, residente a Bagnolo del Salento. Il sostituto procuratore, Carmen Ruggiero, nei giorni scorsi, ha chiuso il fascicolo d’indagine.

Vittima dei presunti abusi, una 18enne di Otranto. Secondo il suo racconto, la sera del 21 luglio, si presentò presso l’ospedale di Scorrano raccontando di essere stata stuprata. Nella denuncia la 18enne riferiva di trovarsi sul lungomare di Otranto quando venne avvicinata dai due amici, salì in macchina e in una località isolata violentata. La ragazza confessò gli abusi. Il pm Ruggiero, nell’immediatezza dei fatti, dispose anche l’ascolto dei tre. I due giovani dichiararono che i rapporti sessuali con la giovane si erano consumati in maniera assolutamente consenziente. Nel corso delle indagini, poi, sono stati anche sequestrati i telefonini e la perizia avrebbe accertato come i contenuti di alcuni sms intercorsi tra i tre, in quei giorni di luglio, sarebbero assolutamente amichevoli. La parte offesa è assistita dall’avvocato Laura Bruno. I due indagati sono difesi dagli avvocati Ubado Macrì e Romolo Chiriatti e nei prossimi giorni potranno chiedere di essere interrogati o presentare memorie difensive