Tentò di rapinare un uomo ferendolo con una coltellata al fianco per poi rimanere coinvolto in un incidente stradale sulla via verso casa. Per quell’episodio Simone Mangialardo, 23enne di Surbo, ha chiuso i propri conti con la giustizia patteggiando a due anni e due mesi di reclusione

con le accuse di tentata rapina, lesioni personali gravi, porto abusivo di coltello e guida in stato di ebbrezza aggravata dall’aver provocato un incidente. La pena è stata concordata dagli avvocati difensori Giancarlo Dei Lazzaretti e Alessandro Costantini con il sostituto procuratore Antonio Negro ed ha trovato il parere favorevole, in ultima istanza, del gup Carlo Cazzella. L’episodio risale allo scorso 7 marzo e si verificò a Lecce, nella centralissima piazza Mazzini, poco dopo le 21 e 30. Mangialardo tentò di rapinare per poi ferire con una lama A.S., 42enne di Merine, frazione di Lizzanello. Il giovane avvicinò la sua vittima, bloccandola e frugando nelle sue tasche, intimandogli la consegna dei soldi. Sfortunatamente per lui, il 42enne non aveva denaro con sé e così, in preda alla rabbia, Mangialardo decise di vendicarsi, colpendolo al fianco con un coltello e dandosi poi alla fuga.
Arrivato a Surbo, nel percorrere una via cittadina in stato di ebbrezza alcolica e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, così come appurato dagli investigatori nel corso del successivo accertamento in ospedale, impattò contro il marciapiede ribaltandosi con l’auto per proseguire a piedi. I carabinieri del Nucleo Operativo di Lecce collegarono i due episodi e con la piena collaborazione dei militari di Surbo raccolsero la denuncia della vittima. Fu proprio il 42enne attraverso un riconoscimento visivo ad associare rapinatore e responsabile del sinistro nella stessa persona e su disposizione del magistrato di turno Antonio Negro, Mangialardo venne accompagnato in carcere. Su istanza degli avvocati difensori al gip Carlo Cazzella, il 23enne, nel frattempo, ha ottenuto gli arresti domiciliari dove si trova tuttora confinato.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

7 − quattro =