Al via il processo ad Enzo Caretto 70 anni, di Guagnano, che nel gennaio scorso ha ucciso a coltellate il figlio Giovanni, di 33 anni, al termine di una lite nella loro abitazione di via Carlo Alberto Dalla Chiesa.

Il gup Vincenzo Brancato, su richiesta del collegio difensivo, costituito dagli avvocati Sabrina Conte e Vincenzo Carbone, ha disposto una perizia per stabilire se l’imputato fosse capace di intendere e di volere al momento dell’omicidio.

L’incarico sarà conferito allo psichiatra Elio Serra il 15 novembre prossimo. Il professionista si era già occupato di questo caso nel corso delle indagini preliminari, quando aveva dichiarato il 70enne incompatibile col regime carcerario. Sulla base della perizia condotta nel corso della scorsa estate, Caretto, affetto da diverse patologie cardiache ed epatiche, fu trasferito in una struttura assistenziale della provincia di Lecce, in regime di arresti domiciliari.