È stato preso a pugni, senza un apparente motivo. È mistero sull’aggressione ai danni di un ragazzino leccese di 13 anni, che ieri sera è stato avvicinato e picchiato da un giovane di origine africana. L’episodio è accaduto in via Cairoli, alle porte del centro storico di Lecce, quando erano circa le 21 di ieri. L’autore potrebbe essere stato inquadrato dalle telecamere.

Il ragazzino era in compagnia di un suo coetaneo, diretti verso il centro cittadino, quando nella direzione opposta hanno incrociato un giovane di colore. Cosa abbia fatto scattare la molla della violenza è ancora in via di accertamenti, fatto sta che ad un certo punto l’africano ha iniziato a colpire al volto il 13enne, raggiunto da una raffica di pugni.
L’aggressore si è poi dileguato in tutta fretta, mentre in via Cairoli sono accorsi i medici del 118 e gli agenti di polizia. Trasportato in ospedale, al giovane studente leccese è stata trovato un oggetto metallico non meglio identificato, conficcato nella guancia sinistra: potrebbe trattarsi del frammento di un anello. Il ragazzino ha rimediato una prognosi di 10 giorni.
Gli agenti delle Volanti, nelle prossime ore, visioneranno i filmati registrati dalle telecamere di videosorveglianza cittadina, installate proprio a pochi metri dal luogo dell’aggressione.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.