È finito in manette Luigi Antonio Legittimo, 45enne originario di Casarano, gestore del Salento food di Bologna. Qualche settimana fa, insieme alla compagna, riuscì a sopravvivere per miracolo al raptus omicida di un ex poliziotto.

L’uomo è accusato di resistenza a pubblico ufficiale, porto abusivo d’arma da taglio e detenzione di sostanze stupefacenti. L’arresto è scattato al termine di una lite con una giovane commessa di un salone di parrucchiera. La situazione, infatti, rischiava di sfociare in una lite violenta, e allora qualcuno ha avvisato i carabinieri che prontamente intervenuti sono stati strattonati e spintonati con veemenza dal 45enne. Dopo essere stato bloccato, i carabinieri gli hanno trovato addosso una bustina in cellophane contenente 0,3 grammi di cocaina e un coltellino.
Insomma non finiscono i guai per Legittimo, dopo il raptus omicida del 75enne romano, agente di polizia in pensione, che sparò contro lui e la compagna, Eleonora Trullo, 29enne nativa di Matera, ma anch’essa originaria di Casarano, due colpi di pistola, e la notifica dei Nas, nei giorni seguenti, del provvedimento di sospensione dell’attività per una serie di anomalie, in seguito comunicate all’organo sanitario regionale.

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quattordici − tredici =