Diego Rizzo, 28enne, leccese, è stato rinviato a giudizio. E’ quanto disposto dal gup Vincenzo Brancato che ha accolto la richiesta invocata dal sostituto procuratore Francesca Miglietta. Il processo si aprirà il prossimo 26 febbraio dinanzi al Tribunale Monocratico della prima sezione penale.

In un terreno, poi, sono stati sequestrati una mitraglietta “Uzi”, con matricola abrasa e con il colpo in canna, proiettili “Fiocchi”, calibro 9 per 19 millimetri e un fucile “Farbam”, a canne sovrapposte, calibro 12, risultato rubato in un’abitazione dell’hinterland. Il possesso delle armi, però, venne addebitato al giovane, con piccoli precedenti penali alle spalle. Rizzo si è sempre dichiarato innocente.

Nel corso delle indagini è stato ascoltato dal magistrato inquirente Guglielmo Cataldi e il 28enne escluse di aver potuto ricoprire il ruolo di “custode” delle armi e di aver nascosto l’arsenale per conto di qualcuno.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

sette − uno =