Le riduzioni finanziarie agli enti previdenziali, riducono anche i servizi ai cittadini. Questa mattina l’Ugl ha manifestato di fronte alla Prefettura di Lecce per mantenere alto il livello di attenzione sul problema che rischia di limitare fino al collasso i servizi essenziali

I tagli indiscriminati alla spesa pubblica, secondo l’Ugl, metterà a rischio l’intero apparato pubblico, a partire dall’impiego che non garantisce più una sopravvivenza decorosa. I nuovi poveri sono stati soprannominati; persone che hanno vissuto con dignità fino allo stremo delle forze.” L’effetto è sotto gli occhi di tutti, le famiglie non spendono più, perché devono “sopravvivere”, le imprese licenziano “per non fallire del tutto”, a scapito, ovviamente, dell’anello sociale più debole: il lavoratore”.

Per questo dalla segreteria territoriale dell’Ugl  su comunicazione del consigliere nazionale Antonio Verardi, è stata indetta la mobilitazione che stamattina ha portato nelle stanze del prefetto di Lecce, Perrotta, il problema.

Si riducono drasticamente i servizi offerti da Inps, Inpdap e Inail con notevoli riduzioni del personale. Le conseguenze sono. File più lunghe agli sportelli, tempi più lunghi per avere le pensioni, la cassaintegrazione, la cassa integrazione, le prestazioni economiche e sanitarie Inail. Ma le conseguenze peggiori si constatano attraverso un documento congiunto presentato al Prefetto dai segretari generali delle tre sigle sindacali, Cgil, Cisl,  Uil, Arnesano, Stefanizzi e Giannetto.

Si tratta dell’ elenco dettagliato sulle situazioni di crisi aziendali in tutti i settori produttivi del territorio che prevedano ricadute occupazionali di rilievo. “In tale quadro sono da evidenziare anche le condizioni dei lavoratori che usufruiscono di ammortizzatori sociali in deroga che, come noto , sono in scadenza al 31 dicembre p.v. e per i quali ,ad oggi , non è garantita né la continuità del sostegno al reddito né possibili soluzioni ricollocative attraverso strumenti di politiche attive del lavoro”.

EDILIZIA : Palstrade, Cocemer,Leadri, Petito prefabbricati, Imcev, Socim, Trio costruzioni

METALMECCANICO: Cnh ( 62lavoratori ),Omfesa ( 100 unità ),Alcar (ca. 50 lav),I.P. (mancato avvio attività rischio per 67 unità), Rossi (cig per 140 ), OLC.

AGROALIMENTARE : Newlat ( chiusa produzione, rimane commerciale ),Scarlino Carni e Salumificio Scarlino ( 70 unità ), Aia Vecchia ( 15 in cigo ).

SERVIZI : Appalti pulizie scuole, Società partecipate (Alba service,Salento Energie, Lupiae ),CSA (49 unità in consorzio Camera di Commercio ), Vigilanza, Turismo (Acaya golf club, Crystal, Valtur ),Mense ospedaliere,Tributi Italia,Billa, Mercatone Uno.

T.A.C. :  Filanto,Adelchi,Romano,Tessiltech ( 60 in cig deroga ),Covani ( cig deroga ).

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE :Enti previdenziali (Inps, Inail,Inpdap ),Sanità privata (Città di Lecce e Clinica Petrucciani ).

CREDITO : Monte dei Paschi di Siena ( ca. 400 unità a rischio esternalizzazione )

TELECOMUNICAZIONI E GRAFICA : Telecom, Cartisa,Martano Gruppi di Emittenza televisiva (Studio 100,Canale 8,TeleRama )

SCUOLA : Collaboratori scolastici precari, Operatori della F.P.

TRASPORTI: Seta Cogei Comune Gallipoli, Eurocoop c/o pastificio Tandoi.

 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

19 − diciannove =