Anche in questo fine settimana proseguono gli incontri del Corso gratuito di Alta Formazione e Specializzazione intitolato “La Tutela Antidiscriminatoria”, inaugurato lo scorso 16 novembre e che si concluderà il 6 dicembre, ospitato nella sala conferenze della Provincia di Lecce in via Botti.

Domani, venerdì 30 novembre (15.30-18.30) il tema sarà “Discriminazione di genere e libere professioni”; a discuterlo Letizia Carrera (Università degli studi di Bari), Roberta Altavilla (Ordine avvocati di Lecce), Carla Guidi (C.P.O. Consiglio Nazionale Forense), Graziana Cisternino (Ordine Consulenti del Lavoro di Lecce).

Appuntamento successivo sabato 1 dicembre, dalle 9 alle 12, su “Un mercato del lavoro più inclusivo anche per le donne? Le novità introdotte dalla L. 92/2012”, con Cataldo Balducci e Monica McBritton (Università del Salento), Maria Luisa Serrano (Università di Brindisi).

L’iniziativa formativa è promossa e organizzata dalla consigliera di parità della Provincia di Lecce Alessia Ferreri, e patrocinato dalla Corte d’Appello di Lecce, dall’Ordine degli Avvocati di Lecce, dall’Ordine dei Consulenti del Lavoro e dal Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università del Salento. Gli incontri sono destinati ad avvocati, consulenti del lavoro ed esperti di settore, con lo scopo di fornire una formazione specifica per poter tutelare in via giudiziale e stragiudiziale lavoratrici e lavoratori sottoposti a qualsiasi forma di discriminazione e maltrattamento.

La conclusione del Corso, accreditato presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Lecce e presso l’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Lecce, è invece prevista per martedì 6 dicembre, alle ore 15.30, sempre nella sala conferenze della Provincia di Lecce in via Botti, quando le istituzioni, le parti sociali, gli Ordini professionali, esperti di settore si confronteranno nel corso di una tavola rotonda sul tema “Il nuovo diritto anti-discriminatorio alla prova del nuovo millennio.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.