Il Comune di Lecce ha indetto un avviso pubblico per la selezione di 5 artisti visivi. L’iniziativa rientra in una congiunta azione di promozione della creatività e della   mobilità  dei giovani artisti  in Europa avviata con Valladolid (Spagna) e fa parte del programma Cultura

(2007-2013), progetto “CreArt- network of cities for artistic creation” per la promozione della creatività artistica, nonché della candidatura della Città di Lecce “Capitale Europea della Cultura 2019”.
Grazie a questo bando verranno selezionati cinque artisti visivi – interessati ad esporre le loro opere all’interno dell’ex Convento dei Teatini – che siano nati o residenti sul territorio della Provincia di Lecce e che non abbiamo superato i 35 anni di età, così come concordato con la città di Valladolid,  lead partner del progetto, in analogia alla  open call  presentata nella loro città.
Durante tale esposizione una commissione, composta da tre esperti del settore nominata per l’occasione, individuerà, fra i cinque artisti partecipanti, colui che parteciperà ad un programma di formazione, innovazione e sperimentazione per la creatività in una delle città europee CreArt.
Per presentare domanda c’è tempo fino alle ore 12 del 14 dicembre. L’avviso sarà pubblicato nella sezione Albo Pretorio del sito istituzionale (www.comune.lecce.it) e nella sezione Bandi e Concorsi dello stesso sito. 
Creart è un progetto europeo di cooperazione culturale per la promozione della creatività artistica, che è stato sviluppato per due anni attraverso il coordinamento della Fondazione Comunale per la Cultura del Comune di Valladolid. Il progetto ha la durata di 5 anni (2012-2017). Creart costituisce una rete di 14 città  rappresentative della diversità e ricchezza culturale europea e vanta la collaborazione di tre enti privati con ampia esperienza nella gestione culturale. La Commissione europea ha considerato Creart un progetto di vera cooperazione europea che coinvolge Paesi geograficamente situati lungo i quattro assi cardinali del continente europeo e che assicura un vero e proprio scambio tra artisti e pubblico, generando una positiva mobilità transnazionale di artisti ed opere d’arte.
I benefici generati dal progetto, a seguito dello scambio, del lavoro di squadra, della partecipazione dei cittadini ed artisti, e della mobilità di artisti ed opere d’arte, superano l’ambito culturale favorendo lo sviluppo di nuovi progetti nel settore delle imprese culturali legate alle arti visive.
Creart risponde al bisogno delle istituzioni culturali europee di condividere una sfida comune tesa a massimizzare il contributo economico, sociale e culturale che le parti visive possono offrire. Il progetto persegue questo obiettivo individuando i migliori artisti ed operatori culturali e mettendoli in relazione con il grande pubblico attraverso strumenti differenti: la presentazione delle opere, la formazione e l’istruzione (seminari, residenze di artisti, workshop), l’approccio scientifico.
Obiettivi del progetto
•    Favorire la creatività attraverso lo scambio di esperienze, buone pratiche, e lavoro tra artisti, i gruppi di artisti, associazioni, operatori culturali, ricercatori, industria e organismi della società civile, e del grande pubblico, provenienti da Paesi e tradizioni culturali differenti;
•    Favorire lo sviluppo del patrimonio culturale europeo e promuovere l’esplorazione culturale tra i gruppi target differenti;
•    Sviluppare metodologie di formazione comuni per gruppi specifici (bambini, giovani, adulti) che promuovono la creatività come una competenza per lo sviluppo personale;
•    Stabilire un sistema permanente e professionale di mobilità, di scambio e di esperienze di lavoro congiunti tra artisti e operatori culturali;
•    Identificare una metodologia di gestione professionale che genera organizzazioni culturali sostenibili in città di medie dimensioni, promuove partnership pubblico-privato e stimola la partecipazione della società civile
•    Dare sostegno alla rete culturale di creatività tra città di medie dimensioni
•    Sviluppare e sfruttare meglio gli strumenti tecnologici e per lo scambio di creatività e gestione delle risorse culturali
•    Creare e standardizzare i sistemi di analisi e di ricerca nel quadro delle politiche culturali locali, al fine di massimizzare la sostnibilità del progetto e delle sue risorse finanziarie in futuro.
I Partner
1.    Valladolid (Spagna) – Comune capofila 
2.    Lecce (Italia)
3.    Atelierhaus Salzmat – Linz (Austria)
4.    Artkomas – Kaunas (Lituania)
5.    Arad (Romania)
6.    Aveiro (Portogallo)
7.    Futurecity – Londra (Regno Unito)
8.    Harghita (Romania)
9.    ID11 – Delft (Olanda)
10.    Kristiansand (Norvegia)
11.    Pardubice (Repubblica Ceca)
12.    Genova (Italia)
13.    Vilnius (Lituania)
14.    Wroclaw (Polonia)
Tutti i contenuti del progetto sono stati  resi noti questa mattina a Palazzo Carafa nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte l’assessore alle Politiche Comunitarie, Alessandro Delli Noci e i dirigenti comunali Raffaele Parlangeli (Politiche Comunitarie) e Nicola Elia (Cultura) .
Nel corso della conferenza stampa è stato presentato, inoltre, un artist workshop (Laboratorio d’Arte) destinato a tutti gli artisti che fossero interessati, che si terrà dal 25 febbraio al 1° marzo 2013 a Valladolid (Spagna),  con il noto artista spagnolo Antonio Lopez. L’on line application form è disponibile al link http://www.crearteu.org/application/antonio-lopez. 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

sedici + diciassette =