Tempi difficili per gli spacciatori salentini. Altri due arresti sono avvenuti ieri sera in provincia. Uno a Nardò, l’altro a Poggiardo. Il primo è avvenuto, intorno alle 19.30, nel comune neretino, dove le manette sono scattate ai polsi di uno studente di 20 anni

, Marzano Giulio, con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti. Il giovanissimo è stato trovato in possesso, nel corso delle  perquisizioni  personale e domiciliare,  di 250 grammi di “marjiuana”, suddivisi e confezionati in tre involucri, nonché di un bilancino di precisione.  Il giovane ora si trova agli arresti domiciliari.

Sempre nel corso della serata di ieri, questa volta però a Poggiardo, i carabinieri hanno arrestato sempre per reati legati agli stupefacenti, un falegname, Sanzò Massimo, 42enne.
L’uomo, fermato nei pressi del distributore carburanti Total,  che si trova lungo la strada provinciale 363, è stato trovato in possesso di 4 grammi di eroina suddivisa in dosi. La successiva perquisizione domiciliare, permetteva di rinvenire, all’interno della sua abitazione, altri 7,80 grammi di eroina. Per il 42enne si aprivano così le porte di Borgo San Nicola.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quattro × quattro =