Si è svolto questa mattina l’incidente probatorio nell’ambito di un’indagine sui presunti maltrattamenti compiuti dalla madre, una moldava 31enne, da anni residente a Lecce, ai danni di due dei suoi tre figli.

Alla presenza della psicologa Gloria Colabufalo e dinanzi al gip Carlo Cazzella, al sostituto procuratore Stefania Mininni, tutte e tre le bambine sono state ascoltate ma il contenuto dell’interrogatorio è top secret. La donna avrebbe picchiato e maltrattato i figli minorenni per mesi ed è indagata con le accuse di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. Così come richiesto dal pm, è stata ascoltata anche una terza figlia della 31enne, una bimba di soli 3 anni, secondo le indagini, “risparmiata” dalle sevizie riservate ai suoi fratellini più grandi.

L’indagine è stata avviata alla fine di maggio scorso. I figlioletti della 31enne, la femminuccia di sette anni e il maschietto di appena cinque, sarebbero stati malmenati e percossi con schiaffi e pugni, in più occasioni e per quelle botte ricevute avrebbero subito lesioni e ferite al collo ed  anche in pieno volto.

Quegli abusi compiuti dalla madre non sono rimasti sottaciuti. I due bambini, secondo le indagini, hanno avuto il coraggio di raccontare le sevizie al personale di una struttura di Ostuni in cui si trovano ospiti dando così il via all’indagine.