Minaccia aggravata: è l’accusa cha ha fatto scattare la denuncia a piede libero, per un venticinquenne leccese, già al centro delle cronache. Si tratta di Mirko Monaco, fratello del collaboratore di giustizia Gianpaolo, condannato all’ergastolo, e che tre anni fa uccise per vendetta Antonio Giannone.

Il giovane, circa trenta minuti dopo la mezzanotte di sabato, insieme ad un amico dileguatosi, avrebbe aggredito e minacciato con una scacciacani, senza tappo rosso,  tre coppiette. L’episodio è avvenuto nel pieno centro di Lecce, in via Biccari, una delle strade che collegano Piazza Sant’Oronzo a via XXV luglio. È stata una delle ragazze del gruppo, che riuscita ad allontanarsi ha chiesto aiuto ai carabinieri, che prontamente intervenuti hanno bloccato e identificato il 25enne.  Le indagini dei carabinieri continuano allo scopo di risalire all’identità dell’amico di Monaco.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

7 + 3 =