Tra le forme d’arte più eccellenti legate al nostro territorio non può non mancare quella della Cartapesta che tra il 2012 e il 2013 vede la istituzionalizzazione della Biennale Nazionale. Un importante evento che ha avuto il riconoscimento del Presidente della Repubblica e che darà vita ad una serie di iniziative legate al mondo degli artigiani cartapestai.

Si parte il 24 novembre con l’inaugurazione della mostra “La carte e l’artigianato artistico. La cartapesta tra innovazione e tradizione”. Da sabato e fino al 15 gennaio, sarà possibile ammirare le opere delle nostre eccellenze salentine, presso il Palazzo Vernazza, “sede di molti altri eventi di grande importanza”, come ha tenuto a precisare Luigi Coclite, assessore comunale alla cultura, che assieme a quello provinciale, Simona Manca, hanno presentato il progetto questa mattina a Palazzo Carafa.
“Le recenti polemiche circa la locazione della mostra non devono influenzare i cittadini, perché ricordiamo che già molti altri eventi di importanza internazionale si sono svolti a Palazzo Vernazza, che è considerato un contenitore culturale di grande spessore”.
La mostra, che sarà visitabile tutti i giorni dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 20.30, è solo il primo delle proposte previste per la Biennale. Sono in programma infatti, anche il Premio Cartapesta 2012 e la mostra “Santi nel Salento – I restauri della scultura in cartapesta”. Da segnalare anche la presenza del Museo Provinciale Sigismondo Castromediano, che da anni raccoglie alcune tra le più importanti opere in Cartapesta.
“E’ un progetto complesso questo”, ha concluso l’assessore Manca “Che mette insieme non solo le mostre ma anche qualcosa di più. Siamo partiti con un’idea e ne abbiamo sposata una più ricca e più grande: riscoprire l’arte e l’antico mestiere valorizzando le opere della cartapesta”.
A finanziare la mostra, ci hanno pensato Consorzio Comieco, UBI Banca Carime e Fondazione con il Sud, mentre per la realizzazione ha collaborato in gran parte Confartigianato, da sempre al servizio degli artigiani locali.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

6 − 3 =