Evento vero e proprio, oltre che incontro con la stampa, quello di ieri, al Circolo Cittadino di Lecce, organizzato dalla Fondazione Ico Tito Schipa per presentare i due nuovi direttori freschi di nomina e per salutare l’attuale Direttore Artistico e Principale Marcello Panni, che si lascia alle spalle una fiorente collaborazione durata quattro anni.

Tanti i partecipanti, tra la stampa e gli appassionati, anche per fare una riflessione positiva che vede la cultura, e quindi la musica, nel ruolo di volano per uscire vincenti dalla crisi.

Tanta emozione per il nuovo direttore artistico Ivan Fedele, salentino, e  per il nuovo direttore principale ospite Salvatore Accardo, che assieme a Grazia Manni, Direttore Amministrativo della Fondazione Ico, Eraldo Martucci, critico musicale e vicepresidente della Fondazione hanno illustrato i programmi e progetti per la stagione 2013.

 

Ivan Fedele, compositore di fama internazionale di natali leccesi, al quale sono andati numerosissimi riconoscimenti, tra i quali il Premio Franco Abbiati all’Antigone composta per il Maggio Fiorentino 2007, emblema del musicista, racconta della risposta artistica data alle tematiche che gli sono state sottoposte dalla Fondazione.

La grande novità riguarda la musica per i giovani e con i giovani: a loro è dedicato un programma per diffondere un’educazione musicale più consapevole, quando la dimensione di ascolto della musica classica avviene da seduti. E ai giovani del conservatorio sarà dedicato lo spazio e la possibilità di suonare nell’Orchestra, attività promossa e portata avanti già da Marcello Panni.

Altra novità di particolare rilevanza riguarda un’anticipazione sul cartellone estivo, per la prima volta Lecce sarà teatro naturale per “Salento Classica”, un festival di siti storici che incontrerà gli appassionati e i turisti che visitano il Salento.

Importanti le collaborazioni, con Massimo Quarta e da settembre con Salvatore Accardo, violinista di fama internazionale, il quale sarà coinvolto in ben cinque concerti, per quattro dei quali sarà anche solista.

Nel repertorio ci sarà il meglio che ha prodotto il Novecento, molta musica di Benjamin Britten nell’anno a lui dedicato, e valorizzazione per i talenti Pugliesi.

Tutti concordi, anche Accardo, nel valore fondamentale dell’orchestra, ricchezza professionale per il territorio che parla secondo l’unico linguaggio che non necessita di alcuna traduzione: la musica.

Presenti alla conferenza evento anche Simona Manca, Vice Presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone, Presidente della Provincia di Lecce e Luigi Coclite, Assessore agli Spettacoli ed Eventi della Città di Lecce.

Pieno riscontro delle istituzioni per la valorizzazione della cultura e il sostegno della Fondazione Ico Tito Schipa anche in un momento storico di passaggio per l’assetto provinciale e per i tagli imposti dalla spending review.

Ha concluso la presentazione la pregevole esibizione della talentuosa pianista russa Lilya Zilberstein, ospite in questi giorni dell’Orchestra, prima di un conviviale aperitivo beneaugurale a base di rustici e pasticciotti leccesi.

 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

uno × uno =